Documento Direzione Comunale 14.09.2018


Documento approvato all'unanimità, con astensione dei membri della minoranza, alla riunione della Direzione Comunale, allargata alla Consulta dei Segretari delle Sezioni PRI dell’U.C. di Ravenna del 14.09.2018 presso la sezione “A. Saffi” di Classe.



La Direzione Comunale del PRI di Ravenna, alla luce della attuale situazione politica generale, individua nei partiti e nei movimenti di ispirazione europeista, gli unici interlocutori con cui i Repubblicani possono confrontarsi in vista di appuntamenti elettorali nazionali e locali.
L’attuale tendenza sovranista e di povertà culturale della politica italiana rischiano di minare a lungo la credibilità del nostro Paese nei confronti delle Nazioni che hanno garantito settant’anni di pace all’Europa.
A livello locale il Partito Repubblicano deve iniziare un profondo dibattito interno e con gli elettori che nel 2016 hanno dato la loro fiducia all’Edera per scegliere quale strada intraprendere in vista dell’appuntamento elettorale amministrativo del 2021; infatti solo il PRI potrà rappresentare un argine alle tentazioni di un PD tentennante fra la sinistra radicale e le spinte centriste.
L’attuale amministrazione, pur marcando una discontinuità con le precedenti, specie in materia di sicurezza e di ricerca di finanziamenti per migliorare le infrastrutture portuali e viarie della città, di metodo su come si è arrivati al nuovo Piano per la Mobilità Sostenibile e un concreto impegno sull’Accademia di Belle Arti, mostra ancora molti limiti, nel rapporto fra uffici e cittadini e significative debolezze su alcune importanti deleghe.
Un banco di prova fondamentale per testare la validità dell’attuale maggioranza, sarà l’approvazione senza sostanziali stravolgimenti del Regolamento di Polizia Municipale del Comune di Ravenna; l’adeguamento e il rispetto delle regole per una società ed un territorio più coesi, più sicuri e più vivibili, sono per i Repubblicani irrinunciabili.
La Direzione Comunale del PRI di Ravenna, ad iniziare dalla prossima Festa Repubblicana del 5-6 ottobre a San Michele, si impegna a promuovere appuntamenti di dibattito sui temi locali e nazionali che caratterizzino i repubblicani come il motore politico della città.